L’Astigmatismo

L’Astigmatismo è un difetto della vista caratterizzato dalla difficoltà nel mettere a fuoco le immagini dovuta ad una irregolarità nella curvatura della cornea o del cristallino.
Questo disturbo comporta la visione sfocata delle immagini indipendentemente dalla distanza alla quale si trova l’oggetto guardato. Pertanto, un soggetto astigmatico non vede bene né da vicino né da lontano.

Si tratta di un disturbo piuttosto diffuso: secondo alcune stime, quasi la metà delle persone colpite da un difetto di vista sarebbe astigmatica.



Astigmatismo: Cause

La maggior parte dei casi di astigmatismo è provocata da un difetto congenito della curvatura della cornea o del cristallino, che determina la presenza di due differenti linee di focalizzazione sulla retina (invece che una, come accade normalmente). Per questo motivo, chi è affetto da astigmatismo visualizza le immagini come sdoppiate/sfocate a qualsiasi distanza.

Il disturbo può manifestarsi anche in seguito ad alterazioni della cornea causate da traumi, lesioni oppure infezioni. In molti casi, l’astigmatismo si associa ad altri difetti della vista come la miopia o l’ipermetropia.

Astigmatismo: Sintomi e Diagnosi

Il sintomo principale dell’astigmatismo è rappresentato dalla visione sfocata da lontano e da vicino. Inoltre, le persone astigmatiche, nel tentativo di ottenere immagini quanto più nitide possibile, attuano un continuo cambio di messa a fuoco, detto “accomodazione”. Si tratta di un processo automatico, che avviene in maniera involontaria perché il cervello non è soddisfatto dall’immagine sdoppiata. Questo sforzo continuo può determinare dolore ai bulbi oculari e sull’arcata ciliare, mal di testa, lacrimazione, bruciore agli occhi, annebbiamento della vista, congiuntivite.

Quando si nota la comparsa dei sintomi tipici dell’astigmatismo, in particolare dopo la visione prolungata di oggetti vicini, cosa che accade, ad esempio, durante la lettura oppure quando si usa il computer, è opportuno rivolgersi ad un oculista che potrà verificare l’eventuale presenza del difetto di vista e valutarne la gravità.

Per la diagnosi, vengono eseguiti l’esame optometrico e la topografia corneale, un esame diagnostico che consente di ottenere una mappa precisa della curvatura della cornea.



Astigmatismo: Terapia

Se l’astigmatismo è molto lieve, cioè fino a 1 diottria, esso viene considerato fisiologico e, di conseguenza, non si rendono necessarie correzioni.
Se, invece, il problema è più grave, il soggetto dovrà far uso di occhiali con lenti dette “cilindriche”, o “toriche”. In passato, non era possibile usare lenti a contatto per correggere l’astigmatismo, mentre oggi esistono lenti a contatto, gas-permeabili o morbide, che permettono di recuperare appieno la qualità della visione.
Il problema può essere risolto anche facendo ricorso alla chirurgia laser, con un intervento che consente di rimodellare la struttura della cornea e modificarne la curvatura.

di Giuseppe Iorio



Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *