La Poesia stimola la Memoria e l’Introspezione

Leggere poesie attiva le stesse aree cerebrali stimolate dalla musica e connesse alla memoria. La scoperta è stata fatta da un team di ricercatori della University of Exeter Medical School, con sede a Exeter, nella zona sud-occidentale dell’Inghilterra.
Gli studiosi inglesi, guidati dal professor Adam Zeman, neurologo cognitivo presso l’ateneo inglese, hanno sottoposto 13 volontari, scelti tra docenti e studenti già laureati, a una risonanza magnetica effettuata nel corso della lettura di testi di varie tipologie: manuali tecnici, passaggi particolarmente evocativi di alcuni romanzi, sonetti e, infine, versi della poesia preferita di ciascun soggetto.


Analizzando i dati rilevati nel corso della sperimentazione, i ricercatori hanno notato che la lettura di testi poetici, a differenza di quanto avviene per i testi in prosa, riesce ad attivare regioni del cervello, come la corteccia cingolata anteriore ed i lobi temporali mediali, responsabili dei brividi lungo la schiena provocati dall’ascolto di musica particolarmente coinvolgente sul piano emotivo. Tali aree sono collocate nell’emisfero destro del cervello e sono collegate anche alla memoria e all’introspezione.
In virtù di quanto emerso dagli esperimenti, gli studiosi concludono che leggere poesie costituisce un’esperienza di intensità emotiva maggiore rispetto alla lettura di testi in prosa e capace di favorire il riemergere di ricordi sepolti nella memoria.


“Alcune persone”, afferma il professor Zeman, “credono che non sia possibile mettere in connessione arte e scienza, ma le nuove tecniche di risonanza magnetica cerebrale sono in grado di svelare il modo in cui il cervello risponde alla fruizione di opere d’arte. Questo è stato uno studio preliminare, che è parte di un lavoro che ci condurrà a costruire un senso psicologico, biologico ed anatomico dell’arte”.
Lo studio condotto dal professor Zeman e dai suoi colleghi è stato pubblicato sulla rivista “Journal of Consciousness Studies” e costituisce la prima ricerca scientifica che compara in modo diretto le risposte del nostro cervello alla prosa e alla poesia.

di Giuseppe Iorio



Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *