Grassi Insaturi per vivere più a lungo

Olio di Oliva
Olio di Oliva

Dagli Stati Uniti, arriva l’ennesima conferma dei benefici per la salute associati a una dieta ricca di acidi grassi insaturi, come quelli contenuti nei cibi tipici della dieta mediterranea.
Uno studio realizzato da un team di ricercatori della Harvard Chan School e del Brigham and Women’s Hospital di Boston ha indagato sulle abitudini alimentari di un vastissimo campione di soggetti, seguito per oltre 3 decenni, consolidando una convenzione difficile da smentire: i grassi saturi sono “cattivi”, in virtù del maggior rischio di andare incontro a varie patologie connesso al loro consumo, mentre i grassi insaturi sono “buoni”, perché aumentano la longevità.

Pubblicato sulla rivista “Jama Internal Medicine” e coordinato dal dottor Dong Wang , lo studio in questione ha potuto contare su una mole di dati assai corposa. Difatti, sono stati utilizzate le informazioni raccolte in due studi precedenti (“Nurses’ Health Study” e “Health Professionals Follow-Up Study”), svolti su un campione costituito da ben 126.233 cittadini americani, le cui abitudini alimentari e condizioni di salute sono state monitorate per 32 anni tramite dei questionari da compilare periodicamente.


Analizzando i dati a propria disposizione, i ricercatori hanno osservato la presenza di correlazioni tra consumo di un determinato tipo di grassi e determinati effetti sulla salute.
I grassi insaturi, contenuti in molti cibi di origine vegetale (ad esempio, olio di oliva, olio di semi di lino, noci, mandorle, sesamo) e nel pesce (come salmone, tonno, sgombro, sardine), sono stati associati a una riduzione della mortalità generale compresa tra l’11 e il 19%.

Quanto ai grassi idrogenati, o trans, presenti in molti prodotti confezionati (snack, merendine, biscotti, crackers, gelati) ma pure nei cibi da fast-food, lo studio conferma i danni alla salute connessi al loro consumo frequente. Difatti, si ritiene da tempo che questi famigerati grassi aumentino i livelli di colesterolo nel sangue e peggiorino il rischio cardiovascolare.
Gli studiosi americani sostengono che, per ogni aumento del consumo di grassi trans del 2%, il rischio di morte prematura salga del 16%.


Nemmeno i grassi saturi sono risultati particolarmente indicati per chi vuole vivere a lungo e godere di buona salute. Infatti, relativamente a questi grassi, contenuti in alimenti quali burro, olio di palma, lardo, pancetta, carne rossa, salumi, insaccati e formaggi grassi, un incremento del consumo del 5% faceva segnare un aumento del rischio di mortalità pari all’8%.

“Il nostro studio”, sintetizza il professor Frank Hu, docente presso la Harvard Medical School che ha collaborato alla ricerca, “dimostra l’importanza di eliminare i grassi trans dalla propria dieta e di sostituire i grassi saturi con grassi insaturi, compresi gli omega 3 e gli omega 6. In pratica, l’obiettivo può essere raggiunto privilegiando gli oli vegetali rispetto ai grassi di origine animale”.

di Giuseppe Iorio



You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *